Bonardi Giangiuseppe, Ritmi accidentali e incidentali in musicoterapia

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
E’ possibie ascoltare l'emozione che laltro vive, distinguendola dalla propria?
Larticolo proposto risponde a questo difficile interrogativo.
Buona lettura
MiA
Musicoterapie in Ascolto
 
Clicca sull’allegato per visualizzare il contributo