DIZIONARIO

PROGETTO TERAPEUTICO

  • Stampa
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

 

© Dizionario di musicoterapia, a cura di Giangiuseppe Bonardi. MiA, Musicoterapie in Ascolto, 17 aprile 2022

 

L’elaborazione del progetto terapeutico è la quinta fase metodica del processo musicoterapico.

Il progetto terapeutico è lo strumento di lavoro che determina nel dettaglio ciò che si vuole fare con la persona in cura.

Il progetto terapeutico scaturisce dalla lettura comparata e dall’analisi dei protocolli, in particolare, da quelli dell’ascolto-osservazione musicoterapica. 

Il progetto terapeutico definisce con chiarezza la situazione-problema che vogliamo affrontare, le finalità perseguite, gli strumenti musicali e le proposte d’ascolto che utilizziamo per intervenire sulla problematica individuata.

Inoltre nel progetto terapeutico sono stabiliti il numero degli incontri e i criteri di valutazione dell’intervento.

Non dobbiamo dimenticare che in musicoterapia la situazione-problema, gli strumenti e gli ascolti individuati, il numero e la durata degli incontri sono aspetti oggettivi che in realtà rimandano ad aspetti metaforici dei contenuti emotivi vissuti dalla persona presa in cura. Pertanto in musicoterapia è ragionevole affermare che con gli strumenti musicali e gli ascolti musicali cerchiamo di mediare e di integrare le emozioni delle persone in cura.

L’elaborazione del progetto terapeutico è la quinta fase metodica del processo musicoterapico.

Il progetto d’intervento è lo strumento di lavoro che determina nel dettaglio ciò che si vuole fare con la persona in cura.

Il progetto terapeutico scaturisce dalla lettura comparata e dall’analisi dei protocolli, in particolare, da quelli dell’ascolto-osservazione musicoterapica. 

Il progetto terapeutico definisce con chiarezza la situazione-problema che vogliamo affrontare, le finalità perseguite, gli strumenti musicali e le proposte d’ascolto che utilizziamo per intervenire sulla problematica individuata.

Inoltre nel progetto terapeutico sono stabiliti il numero degli incontri e i criteri di valutazione dell’intervento.

Non dobbiamo dimenticare che in musicoterapia la situazione-problema, gli strumenti e gli ascolti individuati, il numero e la durata degli incontri sono aspetti oggettivi che in realtà rimandano ad aspetti metaforici dei contenuti emotivi vissuti dalla persona presa in cura. Pertanto in musicoterapia è ragionevole affermare che con gli strumenti musicali e gli ascolti musicali cerchiamo di mediare e di integrare le emozioni delle persone in cura.

Scritto con un linguaggio professionale e umano, nel progetto terapeutico deve essere presente:

  • quando e dove (una fotografia o una piantina dell’ambiente rende un’idea sufficientemente chiara) sono state realizzate le sedute di ascolto-osservazione musicoterapica e quelle di ascolto-osservazione ambientale, solamente se si sono potute realizzate, ovviamente;
  • la situazione-problema rilevata;
  • le finalità perseguite;
  • i mediatori utili ad affrontare la problematica che si vuole affrontare inizialmente;
  • il numero e la durata degli incontri che si vogliono fare;
  • gli indicatori che si intendono valutare, seduta dopo seduta, per comprendere l’evoluzione storico-evolutiva del processo terapeutico.
  • i momenti di restituzione all’équipe e ai familiari.

Una volta elaborato, il progetto terapeutico sarà quindi condiviso e controfirmato, in sede d’équipe, dai colleghi che hanno in cura il nostro assistito e dai genitori, o chi ne fa le veci, in specifici colloqui.

Ovviamente il progetto terapeutico sarà segretato, come del resto lo è tutta la documentazione sanitaria di qualsiasi persona in cura, in ottemperanza alla legge della privacy.

 

© Dizionario di musicoterapia, a cura di Giangiuseppe Bonardi. MiA, Musicoterapie in Ascolto, 17 aprile 2022