Trance

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
 
©Dizionario di musicoterapia a cura di Giangiuseppe Bonardi. Voce pubblicata da MiA: Musicoterapie in Ascolto, il 27 ottobre 2015.
 
 
La trance, «... dal francese antico transe, propriamente ‘trapasso, morte’, derivato di transir (…) dal latino transīre ‘passare al di là’[1]», si verifica quando una persona passa da uno stato di ordinaria percezione di sé e dei propri vissuti[2] in un altro caratterizzato, prevalentemente, dall’incarnazione di un vissuto.
La persona in trance diventa quindi il vissuto stesso, essendo, di fatto, posseduta da questa «personalità seconda[3]».
In molte civiltà extra occidentali, la persona in stato di trance è quindi ‘abitata’ da divinità o spiriti[4].
Nella cultura occidentale, sono le sensazioni, le emozioni e i sentimenti, ossia gli accessi e, al contempo, i contenuti della propria dimensione spirituale, che, amplificati smisuratamente, ‘possiedono’ la persona in stato di trance.
Bonardi G. 2015
 
 
©Dizionario di musicoterapia a cura di Giangiuseppe Bonardi. Voce pubblicata da MiA: Musicoterapie in Ascolto, il 27 ottobre 2015.
 
 

[1] AA. VV., Il grande Dizionario Garzanti della lingua italiana, Garzanti, Milano 1987, p. 2043.
[2] Vissuti, dizionario di musicoterapia a cura di Giangiuseppe Bonardi. Voce pubblicata da MiA: Musicoterapie in Ascolto, il 1 luglio 2011, http://musicoterapieinascolto.com/154-vissuti
[3] De Martino E., Il mondo magico. Prolegomeni a una storia del magismo, Bollati Boringhieri, Torino 1997, p. 86.
[4] De Martino E., Op. Cit.
Rouget G. (1980), Musica e trance, Einaudi, Torino 1986.
La Musica della Trance, in La musica del profondo, 11 agosto 2015, MiA, Musicoterapie in Ascolto, http://musicoterapieinascolto.com/audio-video/289-la-musica-del-profondo