Bonardi Giangiuseppe, La prassi musicoterapica è, essenzialmente, tempo-spazio vissuto

  • Stampa
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Durante una seduta di musicoterapia, utilizziamo gli strumenti musicali e/o le musiche ascoltate al fine di relazionarci musicalmente con il nostro interlocutore. Gli strumenti musicali e le musiche ascoltate, nella prassi musicoterapica, sono quindi i mediatori del processo relazionale musicoterapico. Così con gli strumenti musicali e le musiche ascoltate mediamo, di fatto, i vissuti esperiti dal terapista e dalla persona. Sì, i vissuti, provati e/o condivisi, impalpabili come i suoni che eseguiamo, risuonano in ogni istante del trattamento.
 
La versione integrale del contributo è ora pubblicato in: Meditazioni epistemologiche in musicoterapia.
https://img.ibs.it/images/9788826443027_0_0_300_80.png
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 

MiA, Musicoterapie in Ascolto

http://musicoterapieinascolto.com/

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.