Il suono che sente, il sentire che cura

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

IL SUONO CHE SENTE,
IL SENTIRE CHE CURA


Confronti, riflessioni, esperienze nella Musicoterapia

SABATO 7 MAGGIO 2016
VICENZA, ore 9.00 - 17.00

A dieci anni dalla sua fondazione, il Centro Studi Musicoterapia, celebra questa importante ricorrenza con un Convegno dedicato ai temi centrali del complesso rapporto suono-essere umano. Alla ricerca dei significati fondamentali che sottendono la relazione tra fenomeni sonori e funzionamento mentale e che, al contempo, risultano inevitabilmente essere i temi costitutivi di ogni prassi musicoterapica.

Gli interventi della mattina sono orientati alla discussione e approfondimento del concetto di Suono non solo come fenomeno acustico ma come paradigma autonomo nel suo potenziale espressivo e comunicativo. Il senso dell'ascolto profondo dell'altro, i rapporti tra Musica e cervello, tra Musica e Linguaggio costituiranno quindi le tematiche inerenti ad un "Suono che sente.."

La seconda parte della giornata sarà invece dedicata  al "..Sentire che cura" e quindi alla descrizione di esperienze professionali inerenti ambiti diversi ma accomunate dalla difficoltà di un Sentire musicoterapico che, per essere efficace e di sostegno, deve procedere oltre la condizione patologica e prendere in carico la complessità della dimensione esistenziale del paziente.

Un sentire diverso e più ampio che i relatori, professionisti di consolidata esperienza nella Musicoterapia, confronteranno con tematiche articolate e multiformi quali il "Parent Traning", I Disturbi Pervasivi dello Sviluppo, i Disturbi della Coscienza e la centralità del costrutto delle sintonizzazioni.

Il Suono che Sentire e il Sentire che cura possono, a ragione, rappresentare anche un'emblematica sintesi del decennale lavoro del Centro Studi Musicoterapia.

RELATORI

Per conoscere il programma intero del Convegno clicca qui

Modulo di iscrizione

Allegati:
Scarica questo file (Convegno Vicenza 7 maggio 2016.pdf)Convegno Vicenza 7 maggio 2016.pdf[ ]1265 kB